Sarde a Beccafico (Sardi a Beccaficu)

Ebbene si, siamo giunti alla quinta ricetta regionale italiana pubblicata e questa volta torniamo nella splendida Terra di Sicilia.

mappa sicilia



Carmela di @carmelaleone ci ha inviato una delle ricette siciliane più famose e gustose ovvero le “Sarde a Beccafico”.

Avete idea di quanto possano essere buone queste sarde?  Le avete mai mangiate? Vi siete mai cimentati nella preparazione di questo piatto semplice e gustoso che abbina insieme i sapori e del mare con i profumi della terra come quelli del limone, dell’aglio e del prezzemolo?

Se ancora non lo avete fatto, questa è l’occasione giusta per iniziare a farlo.

Uvetta, pinoli e pane, sono gli ingredienti base del piatto ai quali possono essere aggiunti altri ingredienti come ad esempio capperi, mandorle o olive, a seconda della zona della Sicilia dove viene preparato il piatto.  

Vi lascio quindi alla ricetta preparata per noi da Carmela.

Curiosità: il nome della ricetta deriva dai beccafico, uccelletti pregiati farciti con le interiora degli stessi e consumati solo dai nobili siciliani. Il popolo, ricreò un piatto simile ma con ingredienti poveri: le sarde.

Ingredienti (per 4 persone)

  • 500g di sarde squamate e prive di lisca
  • 100ml di aceto
  • 2/3 uova
  • 4 cucchiai di farina
  • 200g di pangrattato

    Per la farcitura:
  • 70g di pane raffermo grattugiato
  • 1mazzetto di prezzemolo
  • 1spicchio d’aglio tritato
  • 25g di pinoli
  • 25g di uva sultanina
  • 100g di pecorino fresco
  • 30g pecorino grattugiato
  • 2 cucchiai di aceto della marinatura
  • Sale e pepe q.b.
  • Per friggere abbondante olio di semi di girasole

Procedimento:

Marinare le sarde nell’aceto almeno 3 ore.

In un recipiente mettere il pane raffermo (precedentemente messo in ammollo in acqua) ben strizzato, aggiungere aglio e prezzemolo tritato, uva sultanina, pinoli, sale, pepe, due cucchiai di aceto della marinatura, mezzo uovo e il pecorino grattugiato.

Amalgamare bene, il composto deve risultare umido e compattarsi.

Scolare le sarde e tamponarle con carta assorbente.

Disporre metà delle sarde su un piano di lavoro e farcirle con un cucchiaio di composto e una fettina di pecorino fresco…chiudere con le altre sarde.

Passare il pesce nella farina, poi nell’uovo e infine nel pangrattato e compattare bene.

Friggere in olio caldo e quando avranno raggiunto una buona doratura scolarle dall’olio su carte assorbente e aggiungere un pizzico di sale.

Ottime come antipasto o secondo piatto.

Buon Appetito


Ricetta e foto  creata da Carmela @carmelaleone

(Visited 57 times, 1 visits today)

Leave A Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *