I💚PESTO

“…come ho letto da qualche parte, il rumore del pestello che lavora nel mortaio deve essere un suono che ti accompagna durante tutta la preparazione del pesto. ” ( Luca C.)

Questa ricetta è stata realizzata qualche anno fa dal mio amico Luca.  Mi piace riproporla oggi perché la pasta al pesto è  sempre un cult che non ci stanchiamo mai di mangiare.  Se poi la ricetta arriva direttamente  da un Genovese e Genoano D.O.C.  che aspettiamo  a prepararla?  Grazie Luca !

  • Preparazione : 20 minuti
  • Cottura: 10 minuti

Ingredients

  • Basilico Genovese di Prà DOP – n.3 mazzetti
  • Olio Extravergine d’Oliva della Riviera Ligure – q.b.
  • Formaggio grattugiato: Parmigiano Reggiano e un pò di Pecorino Sardo- q.b.
  • Aglio dolce – n.1 spicchio
  • Pinoli (possibilmente di Pisa) – n.1 cucchiaio da cucina
  • Sale grosso. – qualche grano
  • Trenette (o linguine) – 200 gr.
  • Fagiolini – una manciata
  • Patata – 1 media

Preparazione

Prepariamo il  Pesto Iniziamo con lo staccare delicatamente le foglioline di basilico e dopo averle lavate,  con altrettanta delicatezza, si devono asciugare accuratamente mettendoli tra due picaggette (strofinacci come direbbe Mamma Adriana) Mettiamo nel mortaio: qualche grana di sale grosso, a seguire aggiungiamo i pinoli ( preferibilmente quelli di Pisa come da istruzioni di mamma Mavi ) ed infine lo spicchio d’aglio. Cominciamo  a lavorare bene  gli ingredienti nel  mortaio. Quando i pinoli e l’aglio sono ben sminuzzati, aggiungo le foglioline di basilico, poco alla volta, e iniziamo  con un dolce” movimento rotatorio e prolungato del pestello nel mortaio, come ho letto da qualche parte, il rumore del pestello che lavora nel mortaio deve essere : ” un suono che ti accompagna durante tutta la preparazione del pesto”. Per ultimo aggiungiamo due cucchiai d’olio extra vergine d’oliva emetto da parte il tutto.

Prepariamo la pasta In acqua salata mettiamo una manciata di fagiolini e lasciamo cuocere per dieci minuti, poi, aggiungiamo la patata tagliata a pezzetti e contemporaneamente buttiamo le trenette. Quando la pasta è cotta,  la scoliamo ( poco )  e mettiamo da parte una tazza di acqua di cottura che ci  servirà a dare cremosità al piatto che altrimenti potrebbe risultare troppo asciutto. Condiamo le trenette con il pesto  aggiungiamo un po’ di acqua di cottura se necessario ed il gioco è fatto.
Ecco, questo  il mio pesto, a me hanno insegnato a preparalo così,  in altre versioni, alcuni  prima mettono il basilico e poi i pinoli. Peccato che non potete sentirne il profumo!  Chiudete gli occhi e provate ad immaginare.
Buon Appetito!
(Visited 66 times, 1 visits today)

4 Comments

  1. Mark Garrett August 2, 2016 at 5:56 pm

    Hi, this is a very useful article. It is a long established fact that a reader will be distracted by the readable content of a page when looking at its layout.

    Reply
    1. Helen Herrera August 2, 2016 at 5:57 pm

      Thanks Mark, glad you liked it. Nice to see you around.

      Reply
      1. Jerry Parker August 2, 2016 at 5:59 pm

        Hey guys, c\’mon this is old stuff!

        Reply
  2. Helen Herrera August 2, 2016 at 6:00 pm

    Hi, this is cool but i know something cooler than this, new iPad!

    Reply

Leave A Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *